logo
Uffici Giudiziari Campania e Molise
Consulenti ed Interpreti
 
 
 
  
 
Da tempo è istituito presso la Procura della Repubblica di Napoli un apposito elenco, che raccoglie le dichiarazioni  di disponibilità all’assunzione dell’incarico di consulente tecnico (ovvero di interprete), suddivise per appartenenza ai diversi campi di svolgimento degli accertamenti necessari ai fini delle indagini e delle successive attività processuali del pubblico ministero.
 
Di tale elenco, con ordine di servizio del Procuratore della Repubblica del 23 febbraio 2010, è stata disposta una complessiva revisione, finalizzata all’a ggiornamento delle disponibilità sin qui raccolte e delle informazioni utili al migliore apprezzamento, in relazione al caso concreto, dei requisiti di idoneità del consulente.
in data 2 luglio 2014, ravvisata l'opportunità di una ulteriore regolamentazione delle modalità di presentazione della domanda di inserimento nell'elenco, nonché della documentazione da allegare alla stessa, al fine di fissare criteri oggettivi e predeterminati nella valutazione dei requisiti richiesti per ottenere l'inserimento nell'elenco, nonché al fine di semplificare la relativa procedura e ridurre i tempi ad essa correlati, con O.d.S. n. 1/14 PA CT sono state emanate le seguenti norme regolamentari:
 
 
1) l’istanza di inserimento all’elenco dei consulenti tecnici della Procura della Repubblica va presentata, utilizzando l’apposito modulo predisposto da questo ufficio, previa esibizione di idoneo documento di riconoscimento, personalmente dall’interessato o da persona dallo stesso delegata munita di delega da parte dell’i nteressato;
 
2) all’istanza vanno allegati i seguenti documenti obbligatori relativi all’istante:
a)   copia di idoneo documento di riconoscimento in corso di validità;
b)  certificato del casellario giudiziale di data non anteriore di più di 30 gg. oppure dichiarazione dell’interessato ai sensi dell’art. 46 co. 1 lett. aa) DPR 445/2000 (eventualmente utilizzando l’apposito modulo);
c)   certificato dei carichi pendenti di data non anteriore di più di 30 gg. oppure dichiarazione dell’interessato ai sensi dell’art. 46 co. 1 lett. bb) DPR 445/2000 (eventualmente utilizzando l’apposito modulo);
d)  titolo di studio conseguito, che può essere surrogato da documentazione attestante la già avvenuta iscrizione nell’albo dei periti o dei CTU del Tribunale di Napoli o di altro Tribunale oppure da documentazione attestante l’iscrizione nel corrispondente ordine o albo professionale;
e)   documentazione attestante la speciale competenza richiesta per la correlata iscrizione, che può essere surrogata da documentazione attestante la già avvenuta iscrizione nell’albo dei periti o dei CTU del Tribunale di Napoli o di altro Tribunale per la corrispondente specializzazione;
f)    curriculum professionale;
g)   copia del codice fiscale;
h)  dichiarazione sottoscritta dall’i stante (eventualmente utilizzando l’apposito modulo) dalla quale risultino:
h1) gli eventuali rapporti di parentela, affinità o convivenza con:
h1a) magistrati in servizio nel distretto di Corte d’Appello di Napoli;
h1b) personale amministrativo di questa Procura e del Tribunale di Napoli;
h1c) personale della Sezione di Polizia Giudiziaria di questa Procura;
h2) l’eventuale svolgimento di attività professionale presso enti pubblici;
h3) l’assenza di provvedimenti di cancellazione o radiazione dall’albo  
      professionale di appartenenza per motivi disciplinari;
h4) l’impegno a comunicare senza ritardo ogni eventuale variazione dei  
      dati cui si riferiscono le suddette informazioni;
i)    l’indicazione dei propri recapiti telefonici e di posta elettronica;
 
3) all’istanza possono essere allegati inoltre i seguenti ulteriori documenti facoltativi:
a)   documentazione attestante la già avvenuta iscrizione nell’albo dei periti o dei CTU del Tribunale di Napoli o di altro Tribunale, ove non già prodotta sub 2d), corredata da dichiarazione dalla quale risulti che alla data della stessa non sono intervenuti provvedimenti di cancellazione o sospensione dal suddetto albo;
b)  documentazione attestante l’attuale iscrizione nel corrispondente ordine o albo professionale, ove non già prodotta sub 2e), corredata da dichiarazione dalla quale risulti che alla data della stessa non sono intervenuti provvedimenti di cancellazione o sospensione dal suddetto ordine o albo professionale;
c)   documentazione attestante l’e ventuale svolgimento di attività professionali presso o per conto di enti pubblici;
d)  ogni altra documentazione idonea a dimostrare la propria competenza nelle materie per le quali si chiede l’inserimento nell’elenco dei consulenti tecnici di questa Procura;
 
4) l’istanza non verrà accettata qualora presentata da persona diversa dall’istante priva di delega o di idoneo documento di riconoscimento, oppure se non debitamente compilata o mancante anche di uno solo dei documenti obbligatori su indicati;
 
5) l’istanza dovrà essere presentata al personale a ciò incaricato presso l’Isola E/5 A, 12° piano, stanza n. 3N, il quale, all’atto della presentazione della stessa, procederà ad una verifica preliminare della medesima e della documentazione ad essa allegata, apponendovi il depositato ed inoltrandola a questo ufficio solo se ricevibile alla stregua delle indicazioni su riportate;
 
 
6) l’ufficio si riserva di acquisire eventualmente il certificato del casellario giudiziale e dei carichi pendenti aggiornati, se non già allegati dall’interessato all’istanza, nonché eventuali ulteriori documenti integrativi di quelli già prodotti;
 
7) eventuali integrazioni della documentazione prodotta a corredo dell’istanza verranno richieste all’interessato per posta elettronica, o via fax o a mezzo telefono al recapito indicato nell’istanza, lasciandone traccia agli atti della relativa pratica; il mancato riscontro alla richiesta di integrazione della documentazione entro il termine di 30 gg. determinerà il rigetto della domanda;
 
 
8) questo ufficio si riserva di procedere di propria iniziativa a verifiche in ordine al possesso e alla permanenza dei requisiti richiesti per l’inserimento nell’elenco dei CT di questa Procura;
 
9) il provvedimento di accoglimento o di rigetto dell’istanza verrà adottato entro 45 gg. dalla data di sottoposizione della pratica completa a questo ufficio e verrà comunicato all’istante solo alla scadenza di tale termine per posta elettronica, o via fax o a mezzo telefono al recapito indicato nell’istanza, lasciandone traccia agli atti della relativa pratica;
 
 
10)    in caso di rigetto dell’istanza sarà adottata la formula: “non risultano soddisfatti i requisiti individuati da questo ufficio per procedere all’inserimento nell’elenco dei CT di questa Procura della Repubblica”, con ulteriori specificazioni solo qualora ostensibili. 
 
 
 
  
  
   
 
 scarica il modulo Dichiarazione del c.t. per iscrizione      
                                                                                                         
 
Oggi è il 21-03-2019 e sono le ore
Data di ultima pubblicazione: 22-10-2014